ELENA FERRANTE VS JERRY CALA’

admin Blog Leave a Comment

Mo’ basta! ‘Sta Elena Ferrante, che sia la moglie dello scrittore italiano più triste della storia letteraria tanto da far pensare al cimitero a vederlo in foto e ancor più dal vivo, oppure che sia lui stesso, è peggio di un film tra i tanti di Jerry Calà, uno uguale all’altro, che invece di far ridere fanno cagare pur se piacciono ai lettori dei libri di Fabio Volo.

Su questo film comic-horror, comprensivo della conquista dell’America, l’editore di cui si parla s’è traghettato da editore di qualità -destinato a fallimento certo- a editore della Società dello Spettacolo che prima crea mostri e poi se li pappa, per usura e fine dello spettacolo o del film.

Inevitabilmente, il primo della Ferrante l’ho letto, tanta era la curiosità per il “caso”, per lasciare però in sospeso il giudizio fin dopo aver visto come evolveva la storia già scritta in partenza, in varie tappe, a centinaia di migliaia di copie vendute. E la storia, secondo me, si è evoluta (ahahah!) nel sequel di Jerry Calà, fino al finale (almeno spero, anche se sarò smentito) di insofferenza pelosa del capo della casa editrice.

Da questo piccolo mondo antico editoriale italiano, da questo palcoscenico funerario dove si son già esibiti i vari Baricchi, con la sfortuna di chiamarsi con tanto di nome e cognomi senza pensare di buttarla in caciara come Elena Ferrante, io me ne vado, anzi me ne sono andato da un pezzo e ancor più oggi, da editore completamente, assolutamente, orgogliosamente, all’incontrario.

Vaffanculo Elena Ferrante, chiunque essa sia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *